Home / Servizi Tematici e Progetti / Sportello Orient_Abile / Registro badanti .

Registro badanti .

   
   

PROGETTO BENENNIDAS

 

Che cos'è?

Il Comune di Sassari gestisce e promuove nell'ambito territoriale del Plus di Sassari, Sorso, Stintino e Porto Torres il progetto Benennidas, chiamato anche “Registro pubblico degli assistenti familiari”.

 

È un servizio di cura qualificato che persegue le seguenti finalità:

 

  • offrire un servizio personalizzato che risponda alle esigenze delle famiglie al cui interno sono presenti persone anziane e/o non autosufficienti;

     

  • favorire la permanenza delle persone parzialmente o totalmente non autosufficienti nella propria casa;

     

  • sostenere l'acquisizione di competenze per lo svolgimento dell'attività svolta dagli assistenti familiari (italiani e stranieri);

     

  • incoraggiare l’emersione dal lavoro precario promuovendo la regolarità dei rapporti di lavoro per gli operatori che offrono assistenza.

     

 

Il Registro consiste in una banca dati digitale che opera con modalità interattive e che riporta i nominativi dei/lle lavoratori/trici e consultabile presso il portale web www.benennidas.it l'inserimento nella banca dati non si configura come offerta di lavoro.

 

A chi è rivolto?

Il registro pubblico “Benennidas” è rivolto:

 

  • alle famiglie che necessitano di figure formate per l'assistenza di minori, adulti, anziani e/o non autosufficienti;

     

  • agli operatori del settore della cura domiciliare alla persona.
   

Quali sono i servizi offerti?

 

Il registro è unico e si articola in tre distinte sezioni o ambiti di intervento:

 

sezione A) - EDUCATORI DOMICILIARI

 

la sezione educatori domiciliari include operatori preposti allo svolgimento di mansioni assistenziali e di cura all’infanzia, di carattere non sanitario, svolte nell’ambito familiare.

 

sezione B) - BADANTI

 

la sezione badanti include operatori preposti allo svolgimento di mansioni assistenziali e di cura alla persona, di carattere non sanitario, svolte nell’ambito familiare.

 

Sezione C) COLF

 

la sezione Colf include operatori addetti alla cura della casa e alle pulizie domestiche e, più in generale, ad attività strumentali alla cura ed assistenza alla persona.

 

SERVIZIO PER LE FAMIGLIE

   

Quando presentare la domanda?

La domanda può essere presentata in qualsiasi momento.

Come accedere al servizio?

Per presentare la domanda, i richiedenti assistenza familiare possono:

 

  1. recarsi negli uffici competenti di Via Zara, 2;

     

  2. inoltrare la domanda on line al http://www.benennidas.it/index.php?page=area-famiglie che verrà completata e formalizzata in ufficio

     

  3. scaricare il modulo al www.benennidas.it/index.php?page=uffici da presentare al protocollo dell’ente;

     

Gli operatori incaricati si occupano delle seguenti attività:

 

  • accoglienza delle famiglie richiedenti interventi di cura domiciliare;

     

  • raccolta del bisogno assistenziale;

     

  • supporto nella compilazione dell’istanza di assistenza familiare su apposita modulistica;

     

  • compilazione della scheda di accoglienza dei richiedenti assistenza familiare.

     

Come procedere:

Dopo aver individuato l'operatore iscritto al Registro, è compito delle famiglie procedere alla regolare assunzione con contratto di lavoro domestico.

 

SERVIZIO PER GLI OPERATORI DELL’ASSISTENZA

 

Per l'iscrizione al registro pubblico è necessario possedere i seguenti requisiti che si distinguono in generali, specifici e di idoneità alla specifica mansione.

1.1 REQUISITI GENERALI:

 

- residenza presso uno dei Comuni del territorio della Provincia di Sassari;

 

- possesso della maggiore età;

 

- se cittadini non comunitari, possesso di regolare permesso di soggiorno che consenta di lavorare;

 

- se stranieri, possesso di una sufficiente conoscenza della lingua italiana;

 

- se cittadini italiani, aver assolto l'obbligo scolastico o formativo;

 

- possesso di una sana e robusta costituzione fisica;

 

- assenza di condanne penali passate in giudicato e di carichi penali pendenti.

 

Il registro è articolato in tre sezioni: educatori domiciliari, badanti, colf.

 

Per requisiti specifici di ogni sezione si rinvia al seguente link http://www.benennidas.it/index.php?page=default_templates

 

Quando presentare la domanda?
La domanda può essere presentata in qualsiasi momento.

 

Come accedere al servizio?

Le domande per l’iscrizione al registro dovranno essere compilate esclusivamente sull’apposita modulistica (vedi fac-simile allegato), reperibile presso il portale web http://www.benennidas.it/index.php?page=uffici e presentare allo Sportello di Consulenza per Extracomunitari e Stranieri sito in via Zara, 2.

 

Come procedere:

Acquisite le domande di iscrizione l’ente gestore esamina la documentazione, valuta i requisiti amministrativi, formula il giudizio di idoneità alla specifica mansione ed approva l'inserimento del richiedente nel registro.

 

L'iscrizione è a tempo indeterminato con verifica periodica sulla conservazione dei requisiti generali richiesti.

 

Si procede all'esame delle istanze pervenute in ordine di arrivo al protocollo, dando priorità a

 

quelle più rispondenti alle specifiche richieste di assistenza familiare.

 

Attività a garanzia della qualità del servizio Benennidas…….

 

Le attività del progetto Benennidas sono svolte da un’ equipe multidisciplinare composta da Assistente sociale, Psicologo, Operatore sportello extracomunitari e Operatore socio sanitario (OSS). Ciascuna figura professionale cura una specifica attività con l’obiettivo di favorire un incremento di opportunità di incontro tra la famiglia e l’assistente familiare che avviene con l'attività di intermediazione, che consiste nell'abbinamento di operatori iscritti al registro in possesso di caratteristiche idonee al bisogno assistenziale rilevato.

 

Le attività espletate prevedono in particolare:

 

  • l’analisi delle esigenze dell’assistito e della famiglia richiedente assistenza domiciliare;

     

  • l’inserimento mirato degli iscritti al Registro attraverso una profilazione dettagliata delle competenze;

     

  • l’incontro tra la domanda assistenziale e l’offerta lavorativa;

     

  • il monitoraggio delle prestazioni a domicilio.