Missione ad Amatrice - Giorno 97°

Domenica 25 dicembre 2016

Sveglia alle cinque e colazione veloce al B&B “Il casale”, direzione Amatrice con partenza alle 05.45 da Poste. È buio, il termometro segna due gradi, la macchina è completamente ghiacciata, la strada è buona, ma il freddo si fa sentire.

Arriviamo al caseificio scambiami gli auguri di Natale con i colleghi della Polizia stradale e prendiamo il servizio all’incrocio per verificare gli accessi non autorizzatati alla zona rossa di amatrice, fino alle ore 12.30 salvo imprevisti.

Con nostro stupore, appena fatto giorno, vediamo arrivare verso di noi una signora che non conosciamo con un vassoio in mano e due caffè bollenti. Il gesto ci ha colmato di gioia e dimostra l’affetto e il ringraziamento della popolazione colpita dal terremoto verso tutti i volontari che prestano il loro servizio anche il giorno di Natale.

Finito il turno di servizio e ricevuto il cambio da Roma capitale ci rechiamo come da accordi con il comandante Gianfranco al campo base di Torritta dove si svolgerà insieme alla popolazione locale il pranzo di Natale. Ci sediamo e iniziamo a mangiare con la popolazione facendo amicizia con i frati francescani. Notiamo che il pranzo e allietato dalle canzoni di un gruppo romano che ha voluto essere presente, per beneficenza, per portare allegria e gioia in questa giornata di festa.

La lunga giornata si è conclusa con Gianfranco pianificando la giornata di domani, poi tutti a dormine: domani sveglia alle cinque.


eZ Publish™ copyright © 1999-2017 eZ Systems AS