Missione ad Amatrice - Giorno 28°

Lunedì 17 ottobre 2016

 

Si procede con la perlustrazione del territorio venendo a contatto con situazioni estreme. Si incontrano alcuni allevatori ai quali si chiedeva di eventuali necessità, in particolare per gli animali, ma fortunatamente ci dichiaravano che tutto procedeva al meglio.

 

Ad Amatrice, nei pressi del C.O.I..(Centro Operativo Interforze), un residente che durante il sisma ha perso moglie e figlio, ci segnalava la presenza in quello che restava della sua casa, ovvero un mucchio di pietre, di un serbatoio interrato di GPL. Si richiedeva l'intervento dei Vigili del Fuoco locali.

Prosegue il servizio di presidio dell'intersezione, chiamata lo “scoglio”, fra la frazione di Sommati e la strada che porta a Retrosi, alla base di Amatrice dove inizia la zona rossa interdetta all'ingresso dei non residenti.

Si inizia ad abbattere le strutture dichiarate inagibili e non più ristrutturabili.

La giornata si chiude con una bella cena presso il “campo base” della protezione civile di Roma, con la quale prosegue la collaborazione. Partecipano anche due colleghi della Polizia locale di Milano. Si discute sui servizi effettuati durante la giornata che volge al termine che, fisicamente ed emotivamente, ha impegnato tutti i presenti.

eZ Publish™ copyright © 1999-2017 eZ Systems AS